Home Musica Recensioni Concerti Bryan Adams: tanta grinta e energia al concerto a Padova, al Kioene Arena...

Bryan Adams: tanta grinta e energia al concerto a Padova, al Kioene Arena – RECENSIONE

16
0
SHARE
bryan adams
Crediti Immagini Davide Fragapane - Crediti del FotoMontaggio Immagini ©FareMusic - FMD Copyright
Voto Autore
di Davide Fragapane

Bryan Adams il 3 novembre è uscito con “ULTIMATE”, una raccolta dei brani migliori della sua carriera corredata da 2 nuove canzoni, “Ultimate Love” e “Please Stay“ (come da nostro articolo precedente).

Ora l’artista è in Tour in giro per il mondo con “The Ultimate Tour“, e dopo quattro anni è tornato in Italia per sei serate a Novembre (come da nostro articolo precedente).

Ieri sera ha suonato a Padova, al Kioene Arena, e noi di FareMusic c’eravamo.

bryan adams

Alle 21.34 Bryan Adams, con tutta la band, sale sul palco. Sono vestiti tutti uguali, giacca scura camicia bianca e jeans scuri, e senza tanti preamboli innescano la serata di puro rock con Do What Ya Gotta Do, brano di apertura del nuovo disco “ULTIMATE”; su Can’t Stop This Thing We Started l’ovazione del pubblico copre le note iniziali di chitarra, e con Don’t Even Try e la celeberrima Run to You si capisce che di l’ in poi sarà un concerto molto “movimentato”.

Arriva il momento di Go Down Rockin’, e a seguire Heaven, e qui, per la famosissima ballata, si viene a creare un’atmosfera rarefatta, e lo si percepisce guardando tutti i cellulari accesi. E’ la volta poi del siparietto che Bryan è solito fare quando propone It’s Only Love, quello cioè di chiamare Tina Turner che puntualmente non si presenta: l’esibizione è impeccabile e il fido Keith Scott, il lead guitar, fa numeri facendo roteare la sua Fender Stratocaster attorno al corpo. Poco dopo arriva prima Please Stay e poi Cloud #9, che la band ripropone più veloce e ballabile rispetto al brano originale. Poi di seguito arriva You Belong to Me, altro brano del nuovo lavoro.

bryan adams

Il momento piu’ caldo arriva quando Bryan accenna con la sua Gibson le prime note di Summer of ’69… e qui tutta l’arena canta.

Arriva di seguito il momento acustico in cui Bryan, oltre a cantare, suona con la sua Martin e delizia tutti con un fraseggio di chitarra mentre suona Here I Am e When You’re Gone. Si arriva così al momento più toccante, a mio avviso, della serata, quello di (Everything I Do) I Do It for You, e sul palco rientra tutta la band e insieme a Bryan proseguono con Back to You, Somebody, Have You Ever Really Loved a Woman? e Please Forgive Me.

Siamo ora al momento in cui si riaccende la macchina del rock’n’roll, e Bryan e Keith corrono e si incrociano sul palco dandosi anche il cinque con le mani. In The Only Thing That Looks Good on Me Is You, Cuts Like a Knife, Bryan, oltre che a cantare,  continua a dialogare con il pubblico, fotografandolo, scherzando e ridendo come avesse 20 anni. La voce sembra rimasta inalterata dai suoi esordi nel 1980, quest’uomo sembra venuto da Marte se si pensa ai sui 58 anni.

bryan adams

Il concerto prosegue con 18 til I Die I’m Ready, fino a concludere con altro brano del nuovo lavoro, New Day.

Bryan Adams e soci salutano la prima volta  ed escono… ma  tornano subito per l’encore, con Ultimate Love, brano di grande energia (contenuto nell’ultima raccola), e con C’mon Everybody cover di Eddie Cochran.

La band esce nuovamente dopo l’ultimo saluto e Bryan rimane con la sua chitarra per gli ultimi 3 brani della serata, conclusasi alle 23.45 dopo aver continuando a far foto al pubblico e dopo aver eseguito Straight From The Heart, Heat of the Night e All for Love.

Concerto pieno di grinta ed energia… e il consenso del pubblico è stato unanime e totale.

bryan adams

Altre date Italiane di Bryan Adams – The Ultimate Tour

-11 novembre a Milano al Mediolanum
-12 novembre a Torino al Palalpitour
-14 novembre a Roma al Palalottomatica
-15 novembre a Rimini al 105stadium
-16 novembre a Bolzano al Palasport

Commento su FMD