Home Il Jazz 360° Jazz & Wine of Peace: al via la XX edizione – Tutti...

Jazz & Wine of Peace: al via la XX edizione – Tutti gli ospiti

224
0
SHARE
jazz
Voto Utenti
[Total: 2 Average: 4]

di Paola Maria Farina

Torna con la sua XX edizione, in calendario dal 24 al 29 ottobre 2017, il festival Jazz & Wine of Peace. La manifestazione è promossa dal Circolo Controtempo di Cormòns (GO) e popola le regioni dei vigneti del Collio italiano e sloveno facendo risuonare le note del migliore jazz.

Dopo l’anteprima viennese del 13 settembre, la rassegna si prepara a una sei giorni tra musica, natura ed enogastronomia all’insegna del rispetto delle tradizioni.

L’edizione 2017: la musica e gli artisti

Jazz & Wine of Peace 2017 è reduce dal successo della precedente annata che ha segnato 6mila presenze. L’asticella, dunque, non può che alzarsi. Per non deludere il pubblico, l’associazione di Cormòns ha messo in programma oltre 90 musicisti, sul palco per raccontare la propria musica che travalica i confini.

I nomi sono tra i più svariati a partire da Eivind Aarset, Michele Rabbia, Gianluca Petrella Trio (esclusiva italiana), ospiti nella giornata inaugurale del 24 ottobre. E si continua con Marco Colonna, Filippo Vignato Tri, Boris Savoldelli, Enrico Rava New Quartet, Silvia Bolognesi e James Brandon Lewis Trio. Fino ad arrivare a Cristiano Calcagnile Ensemble, Craig Taborn in quartetto e al progetto Bassdrumbone 40th Anniversary nell’ultimo giorno

Oltre i suoni

Jazz & Wine of Peace prevede anche una serie di eventi collaterali per la promozione del teritorio. Il pubblico potrà scegliere fra una pedalata del verde e una visita guidata nei vigneti oppure partecipare agli incontri food&music o magari godersi una proiezione in tutta tranquillità.

Ma l’attenzione non può non essere rivolta anche alle Etichette d’autore (il vino creato appositamente per il festival) oltre che alla presentazione della guida Osterie d’Italia 2018 targata Slow Food. Cosa c’è di meglio che apprezzare della buona musica accompagnata da eccellenze del territorio?

 

Commento su Faremusic.it