Home Zona Giovani GIORGIO POI, GIOVANE PROMESSA DELL’INDIE ITALIANO, ESCE CON “SEMMAI”

GIORGIO POI, GIOVANE PROMESSA DELL’INDIE ITALIANO, ESCE CON “SEMMAI”

25
0
SHARE
giorgio poi
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 4]

di Leandro Barsotti 

Oggi esce Semmai, un pezzo a cui voglio molto bene“.

Lo ha scritto Giorgio Poi sulla sua bacheca facebook pochi giorni fa. “Semmai” è uno dei due brani inediti (l’altro è “Il tuo vestito bianco“) con cui l’artista ha ripubblicato su vinile il suo primo album da solista, “Fa niente” (Bomba Dischi) di cui avevamo parlato in una recensione come di seguito.

Giorgio Poi canta che “c’è una novità” e la novità è Lui e il suo album di esordio – RECENSIONE

Contro la paura, per rompere la sera, accendere una luce in tutto il centro Italia” sono le prime parole di “Semmai” che riprende i suoni languidi e le melodie vocali malinconiche con cui Giorgio Poi si è distinto in questo 2017 indie. La sua voce notturna, la sua chitarra rotonda, l’eco dell’ultimo periodo Mogol-Battisti: Giorgio Poi usa il linguaggio con educato rispetto per il significato ma anche per il significante, il suono stesso della parola mescola agli accordi.

Dopo un’estate di live, passata a far conoscere le sue canzoni e il suo personaggio timido, ecco una nuova operazione discografica e una nuova tournèe tra i club.

Alcuni suoi brani (“Niente di Strano” e “Acqua Minerale” su tutti) hanno già saputo conquistare il pubblico, colpito dalla genuinità della proposta, la sua trasparenza, la sua narrazione del quotidiano. Adesso “Semmai“, che ha le carte in regola per diventare un’altra delle sue chicche più amate.

TESTO – SEMMAI

Contro la paura
Per rompere la sera
Accendere una luce
In tutto il centro Italia
Qualcuno in fondo a un pozzo
Che non se n’era accorto
S’è tanto dispiaciuto
Che credeva d’esser morto

Solo perché, perché ormai
Hai perso la faccia e un centro SNAI
Che rimani in casa con i tuoi
Per fermare il tempo come puoi
Semmai
Oggi non mi sento
Ho voglia di restare spento
Ma è tanto per provare
Un nuovo sentimento
E il vento tropicale
Nella televisione
Te lo devi immaginare
Che tanto non si vede

Solo perché, perché ormai
Hai perso la faccia e un centro SNAI
Che rimani in casa con i tuoi
Per fermare il tempo come puoi
Semmai
Semmai

Un passo con la gamba dentro il vuoto
E hai già finito
Lo stomaco divelto, gli occhi tristi
E hai già capito
Che non si torna indietro
Per raccogliere le briciole
E lanciati nel cielo per far piangere le nuvole
Semmai
Semmai

Commento su FMD