Home Musica Interviste L’AMORE E’ IMPERFETTO: ce lo racconta la regista Francesca Muci

L’AMORE E’ IMPERFETTO: ce lo racconta la regista Francesca Muci

Francesca Muci, regista de "L'Amore è imperfetto" si racconta alla nostra Annamaria Tortora tra una chiacchierata e un caffè in quel di Roma.

36
0
SHARE
Francesca Muci
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 4]

Chiacchiere e caffè con Annamaria Tortora

Sto arrivando, ho avuto problemi con il motorino”. Dopo un po’ mi arriva alle spalle… uno squillante “Ciao, come stai?!”, ci dirigiamo verso il primo bar, lei salta il muretto, io… con il mio solito scatto da bradipo la guardo e le dico: “ma devo saltà pur io?” mi guarda, mi sorride, “vuoi una mano?”, tiro fuori l’orgoglio “trentenne”, faccio un salto e prego Dio di non finire a terra, in mezzo al traffico, sotto gli occhi dei romani incazzati già alle 10 del mattino, di sbucciarmi le ginocchia e farmi notare per la mia perfetta predisposizione ad interpretare ruoli analoghi alla donna più affascinante ed imbranata della storia del cinema: Bridget Jones.

Purtroppo però Francesca non scrive commedie all’americana, anche se la sua regia ha un fortissimo respiro internazionale, e così ho perso la mia più grande occasione di essere scelta da “LA REGISTA” per un cinepanettone all’italiana.

Francesca Muci

Finalmente ci sediamo.

Toglie gli occhiali e comincia a parlare. Il suo accento sa di casa: quella Puglia che è ancora nei nostri occhi. il suo mare, le sue tradizioni, le sue notti d’estate, il suo calore che è ancora sulla nostra pelle e da lì le chiedo: “Francè, ma come si diventa regista?”, mi guarda, scoppia a ridere e mi risponde con un divertito “ah, beh non lo so”. Però è stata bravissima a raccontarmi quel capolavoro che nel 2012 ha messo in luce il suo grandissimo talento da regista: L’amore è imperfetto.

Francesca Muci, classe ’73, pugliese doc, moglie virtuosa e mamma di una giovane promessa dell’equitazione, ci racconta davanti ad un caffè i successi della sua carriera da regista. Da sempre impegnata sul set di documentari, Francesca è un talentuoso spirito libero, dal cuore sempre aperto ad accogliere le più belle storie d’amore e di vita del nostro Paese e dei posti più suggestivi del mondo.

Francesca Muci

Dopo aver ricevuto prestigiosi premi come “Il capitello d’Argento”, si siede e scrive quel libro che parla di quell’amore imperfetto che intreccia le vite di Ettore e Adriana, uniti da una passione convergente verso Elena che, da lì a poco, si troverà coinvolta in due passionali e parallele storie d’amore che tracceranno un percorso significativo, cosa che l’aiuterà a capire qual è la forma d’amore che ricerca per se stessa. Un libro dal respiro forte e privo di censure, che viene riproposto al pubblico in una sceneggiatura scritta a quattro mani con Gianni Romoli e che in sottofondo ha sentito suonare l’anima dal celeberrimo compositore Manuel De Sica, scomparso nel 2014 per un arresto cardiaco.

Francesca Muci

125 sale in sold out e un eco prolungato negli anni che vede la pellicola sempre attuale e ancora oggi proiettata nelle sale della Puglia del sud, che ha dato i natali al primo film che in Italia ha “dialogato” sulla libertà sessuale, anticipando le dinamiche sul tema che avrebbe riproposto, l’anno seguente, il regista Abdellatif Kechiche ne “La vita di Adele”.

Ne parla orgogliosa Francesca, che finisce il suo caffè con uno sguardo nostalgico rivolto al passato ma con l’energia di chi ha già le mani in pasta in un inedito progetto tra le più belle dune e tramonti della terra “nera”. Si sbilancia appena, e mi promette che al più presto ci racconterà il suo prossimo grande successo.
Stay Tuned and January coming soon…!

SHARE
Previous articleGrant Hart, il batterista degli Hüsker Dü, è morto a soli 56 anni
Next articleX Factor Edizione 11: Report prima serata – Mara Maionchi mattatrice della serata
Annamaria Tortora
Annamaria Tortora nasce a San Severo (FG) il 4 luglio 1988 da padre artigiano e madre casalinga. All’età di 13 anni, incoraggiata da papà Lello incomincia il suo percorso musicale scegliendo come suo strumento, la chitarra classica. Da qui in avanti la sua passione diventa un vero e proprio percorso di vita tanto che comincia a dedicarsi alla stesura di testi aspirando così al cantautorato. Nel 2005 partecipa alle selezioni per la 48esima edizione del Festival di Castrocaro Terme e nello stesso anno intraprende gli studi canori presso la “Labomusica” di Modena, scuola di canto fondata da Carlo Ansaloni in collaborazione con Silvia Mezzanotte dei Matia Bazar e Leone Magiera, maestro storico del grande tenore Luciano Pavarotti. Partecipa nel 2010 ad uno stage di scrittura creativa con il celeberrimo autore “Bungaro” e nel giugno del medesimo anno è finalista del Premio Musical-letterario “Lunezia” con la canzone “Il sognatore sulla luna”. Nel 2012 ha partecipato con lo stesso brano anche a Sanremo Social e pubblica con la casa editrice Anam Edizioni l’omonimo libro con il disco inedito in abbinamento editoriale. Ad oggi il suo percorso artistico è in continua evoluzione: organizza concerti, serate di musica dal vivo e continua a scrivere canzoni per sé e per gli altri. Sgomitando tra gli emergenti, sogna di diventare critico musicale o di lavorare nell’industria discografica e così parallelamente alla sua passione per la musica porta a termine i suoi studi universitari e nel dicembre 2015 consegue il titolo di dottore magistrale in Marketing, Comunicazione d’Impresa e Nuovi Media presso l’università LUMSA di Roma. Attualmente e consulente e ufficio stampa in Edelman Italia, ed è responsabile marketing e comunicazione dell’associazione di clownterapia “Teniamoci per Mano Onlus”.

Commento su FMD