Home Musica Facebook sfida YouTube: Zuckerberg propone milioni di dollari alle major discografiche

Facebook sfida YouTube: Zuckerberg propone milioni di dollari alle major discografiche

Facebook offre milioni di dollari alle case discografiche per poter far caricare ai propri utenti video sul social con qualsiasi musica in sottofondo.

21
0
SHARE
facebook
Voto Autore
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

di Veronica Ventavoli

Facebook si prepara ad una nuova battaglia: diventare il più serio competitor di YouTube.

Caricare un video su Facebook, con qualsiasi musica in sottofondo, senza il timore di vederlo rimuovere dai gestori del social network per questioni di copyright: per gli utenti di Facebook tutto questo potrebbe diventare presto realtà.

Secondo alcune fonti interpellate dai media americani, l’azienda di Mark Zuckerberg è sul punto di fornire alle principali case discografiche qualcosa come centinaia di milioni di dollari per consentire ai propri iscritti di postare video musicali pienamente autorizzati: Facebook sta infatti lavorando per introdurre un software che contrassegni con una flag la musica che viola i diritti d’autore.

Permangono incertezze su tempi e modalità dell’operazione: saranno necessari almeno due anni prima che il software cominci a funzionare; le case discografiche, anziché andare sistematicamente a caccia di tutti i video illegali per chiederne la rimozione, preferirebbero ricevere un immediato compenso da Facebook.

L’accordo accontenterà tutte le parti in gioco: le etichette risparmieranno i costi per monitorare i flussi e ingiungere al social di intervenire; gli utenti non saranno più costretti a veder scomparire i propri video; i partner e gli inserzionisti pubblicitari non avranno più da temere tortuose azioni legali connesse alla violazione del diritto d’autore..

E Zuckerberg? L’idea di fondo sembra essere quella di espandere l’azienda verso nuovi settori, arrivando a fare concorrenza a YouTube grazie a Watch, la piattaforma che consente di condividere e visualizzare le clip. Facebook ha un’utenza decisamente affamata di contenuti video, una domanda da intercettare fornendo mezzi sempre nuovi: non è da escludere, si sottolinea da più parti, che il più noto social network intenda avviare nuove collaborazioni con piattaforme come Vevo, titolare dei diritti di migliaia di videoclip musicali a livello mondiale, per il momento vincolata con YouTube.

I video caricati dagli utenti, è ormai certo, saranno il fulcro dell’espansione del social network nel futuro più prossimo.

SHARE
Previous articleI Psychic Temple di Chris Schlarb escono con “IV”, uno straordinario album – RECENSIONE
Next articleElisa da questa sera all’Arena di Verona con il “Together here we are”, per festeggiare i suoi 20 anni di carriera
Veronica Ventavoli
Pistoiese di nascita, prima di laurearmi in Storia medievale all’Università di Siena e poi in Storia contemporanea a La Sapienza di Roma, ho lavorato per oltre dieci anni come cantante solista e in vari gruppi di cover toscani. In tale veste, vincendo quella che al tempo si chiamava Accademia della Canzone di Sanremo, ho avuto l’opportunità di partecipare all’omonimo Festival del 2005 classificandomi al terzo posto nella categoria Giovani. I primi ricordi nitidi che ho mi vedono impegnata a inventare e disegnare cartoni che non si sono mai animati, a imitare nei cortili parenti e personaggi famosi, a consumare i tanti 45 e 33 giri ricevuti in regalo da zii, cugini, vicini di casa: fra le sigle di Fantastico e il prog italiano degli anni Settanta, tra Pupo e i Beatles, anche se priva di fratelli e sorelle non mi sono mai sentita sola! Gli amici mi chiamano “scimmietta” perché sono tuttora curiosissima di conoscere canzoni, libri e film. Sono – da sempre, mi pare – devotamente innamorata di gatti, pastasciutte, David Bowie, Anna Marchesini e “Cipì” di Mario Lodi.

Commento su FMD