Home Musica La scomparsa di Guido Elmi…

La scomparsa di Guido Elmi…

Guido Elmi grande produttore, produttore artistico, produttore musicale, manager è la figura mitica e mitologica del music business

45
0
SHARE
guido elmi
Voto Utenti
[Total: 0 Average: 0]

di Alessandro Filindeu

Quella del grande produttore, produttore artistico, produttore musicale, manager è la figura mitica e mitologica del music business, difficile da delinearsi perché dotata di contorni sempre sfumati, competenze varie sovrapponibili e sovrapposte, nebuloso ma agognato oggetto del desiderio dell’artista emergente come di quello affermato.

Guido Elmi era tutto questo, capace di imprimere la giusta direzione ad un progetto come ad un arrangiamento o ad una scaletta, musicista e musicofilo colto e appassionato, profondo conoscitore di quelle alchimie che possono determinare la buona riuscita di un lavoro musicale.

Figura carismatica e di grande spessore, notissimo nell’ambiente musicale da tanti lustri, conosciuto dal grande pubblico soprattutto per la sua incredibilmente proficua collaborazione con Vasco, fino all’ultimo grandioso evento di Modena, Elmi assommava tutte quelle caratteristiche di cui oggi si avverte la mancanza, all’interno dei vari processi produttivi nell’asfittico modo dell’attuale pop italiano.

guido elmi

La lucida percezione di cosa sia necessario e cosa sia inutile se non dannoso, la visione d’insieme del progetto contemporaneamente sotto ogni punto di vista, l’intuizione folgorante nell’individuazione del dettaglio risolutivo, musicale e non, hanno caratterizzato il percorso di Guido in ogni progetto che ha avuto la fortuna di annoverarlo come collaboratore.

Per esprimere il rammarico di questo momento alcune formule sarebbero sconsigliabili perché usate troppe volte a sproposito ed in maniera banale, come forse alcuni “giri” di accordi nelle canzoni, ma nel caso della perdita di Steve-Guido non è giusto rinunciare all’efficacia di una frase semplice e diretta che in questo caso sintetizza tutto: che peccato.

SHARE
Previous articleI Pinkover fanno tripletta a Trieste e ripropongono il Live at Pompei
Next articleGuido Elmi attraverso i ricordi di chi l’ha conosciuto
Alessandro Filindeu
Vivo a Roma, non sono un giornalista, sono musicista professionista da quando avevo ventidue anni, ambito pop ma formazione jazz, ho suonato in una cinquantina di programmi Rai, ho ottenuto la idoneità per insegnare in Conservatorio nel 2005, lavoro con un importante produttore come assistente musicale e di produzione e come chitarrista, ho collaborato con vari musicisti, scritto e arrangiato un po' di cose, avuto a che fare con il Festival di Sanremo in varie "vesti" a partire dal 1993. Insegno chitarra moderna in varie scuole di area romana, armonia moderna e tecnica dell'ascolto presso la "Accademia Spettacolo Italia" di Roma. Ho collaborato come "ghost writer" a due tesi di laurea in storia della musica pop italiana, ho partecipato alla organizzazione di varie Master Classes di grandi musicisti italiani e stranieri, in tempi recenti ho co-prodotto due cantanti esordienti, con ambedue fallendo clamorosamente ma acquisendo di conseguenza una grande conoscenza del mondo del pop italiano degli ultimi anni. Ho una maturità classica, ho frequentato due facoltà universitarie e un Conservatorio per un totale di 21 esami sostenuti ma non ho finito nessuna delle tre cose, inevitabilmente la mia prima attività è quella dell'insegnante.

Commento su FMD