Home News Flash Siae vs. #Secondaryticketing 1-0: finalmente una vittoria

Siae vs. #Secondaryticketing 1-0: finalmente una vittoria

Il Tribunale Civile di Roma ha emesso una sentenza che condanna LiveNation, Seatwave e Viagogo alla penale di 2000€ per ogni biglietto venduto con il Secondary Ticketing per il concerto degli U2 del 15 e 16 luglio a Roma.

121
0
SHARE
siae
Voto Autore
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 4]

Di Stefano De Maco

Finalmente la Siae incassa qualcosa di più di parole di sostegno, nella battaglia contro il #secondaryticketing. Il Tribunale Civile di Roma ha emesso una sentenza che condanna LiveNation, Seatwave e Viagogo, coinvolte nella vendita irregolare dei biglietti, alla penale di 2000€ per ogni biglietto venduto con la tecnica speculativa del secondary ticketing per il concerto degli U2 in programma il 15 e 16 luglio a Roma. Un’azione netta a favore della legalità e della trasparenza, che obbliga le società implicate anche al pagamento delle spese processuali.

Gaetano Baldini, direttore generale Siae, ha commentato con giusta soddisfazione la sentenza, sottolineando che “Il giudice ha ritenuto che Siae abbia dato prova dell’illecita attività sia dell’organizzatore dell’evento che delle piattaforme on line che alimentano il mercato secondario”.

La sentenza ha effetto immediato, anche per contrastare la pratica che seppure sotto inchiesta veniva perpetrata ugualmente, generando profitto illecito.

Dopo le denunce per i casi clamorosi dei concerti di Ed Sheeran, dei Coldplay, degli U2, degli One Direction, tra gli altri, un segnale forte al di là della demagogia e della retorica. Ricordiamo che la pratica del Secondary Ticketing, consiste nell’acquisto massiccio di massive quantità di biglietti da parte di società collegate al promoter emissario, al fine di alterarne il valore di mercato in base alla richiesta del pubblico, secondo una logica domanda-offerta ultra liberista e ora anche illegale. Già in passato avevamo parlato di questa pratica e di come si stesse allargando. Ora da fenomeno di malcostume è ufficialmente diventato una pratica illecita. Finalmente una vittoria.

Commento su FMD