Home Musica Interviste Luna Palumbo è “Sopravvalutata”: ecco il nuovo disco. INTERVISTA

Luna Palumbo è “Sopravvalutata”: ecco il nuovo disco. INTERVISTA

Luna Palumbo è appena uscita con un nuovo lavoro, "Sopravvalutata"

227
0
SHARE
luna palumbo
Voto Utenti
[Total: 2 Average: 4]

di Corrado Salemi

Luna Palumbo è una cantautrice, vocal coach e speaker radiofonica italiana arrivata al grande pubblico nel 2014 grazie alla partecipazione alla seconda edizione di “The Voice of Italy” evidenziandosi come una delle concorrenti più interessanti.

Dopo i due precedenti singoli “Persi” del 2015 (inno ufficiale della maratona radiofonica “30 ore per la vita“) e “Casomai” del 2016 è uscito il 5 maggio scorsoSopravvalutata”, album di esordio dell’artista salernitana.

Prodotto dalla stessa Luna Palumbo in collaborazione con la DGM PROMOTION di Generoso D’Elia per etichetta Angrisanomusic (ANGRISANO & BENVENUTO edizioni musicali), il disco contiene otto brani inediti scritti ed interpretati dalla giovane cantautrice insieme ad Angelo Napoli (co-autore della musica ed arrangiatore del disco) e due cover a cui l’artista è particolarmente legata: L’Immensità, grande successo dai Don Backy, e Albachiara di Vasco Rossi.

Sopravvalutata” è un disco interessante, dal sound Pop-rock elettrico (probabilmente non originalissimo) in grado sin dalla prima traccia di dimostrare tutta la sua vocazione per il live. Il timbro di Luna, caldo e avvincente, spicca per energia e versatilità facendo pregustare grandi performance sul palco.

Ecco la tracklist:

  1. Casomai
  2. Avanti (Occhi neri)
  3. Non so tu
  4. Maledetta
  5. Sopravvalutata
  6. Fottuta mente
  7. Delle mie paure
  8. Non è la luna piena
  9. L’immensità 
  10. Albachiara“Sopravvalutata” è disponibile sulle principali piattaforme digitali quali Spotify -> QUI e iTunes -> QUI.

Abbiamo intervistato Luna Palumbo per parlare del suo nuovo disco e del lavoro che in questi anni l’ha condotta fin qui. Ecco cosa ci siamo detti.

luna palumbo
Luna Palumbo – Sopravvalutata (Official Video)


Ciao Luna, ti ringrazio per la disponibilità. Partiamo subito, se ti va, dal sound del tuo disco: un album Pop-Rock, ricco di energia, con arrangiamenti che catturano e coinvolgono. Quanto sei soddisfatta di questo tuo lavoro?

Sono molto soddisfatta di quello che sono riuscita a creare con “Sopravvalutata”.  Quello che sentite è esattamente quello che avevo nella mia mente quando ho buttato giù le prime note e le prime parole di ogni singola canzone. Angelo Napoli, nell’arrangiare ogni brano, non solo ha avverato i miei desideri (senza saperlo) ma ha dato colore ad ogni storia.  Oggi tutti quei colori mi rappresentano ancora di più.

Sono rimasto molto colpito dai testi: li trovo molto efficaci e per nulla banali. Tu ne sei coautrice. Come ti sei approcciata alla scrittura delle tue canzoni e quali sono i tuoi riferimenti?

Questa tua affermazione mi riempie di gioia, in realtà, perché sono io l’autrice di ogni canzone, cosi come dei testi, al 100%. Angelo Napoli mi ha aiutata arrangiando i pezzi che continuavo a partorire impetuosamente.  Ho scritto l’intero album in 3 giorni e non mi sono ancora fermata. Non ho dei riferimenti ben precisi, la mia scrittura mi rispecchia molto: è sensibile, scanzonata, ironica e sarcastica a tratti, insomma sono io.

La cura con cui hai lavorato a questo disco è evidente e, soprattutto negli inediti, rasenta la perfezione. Quella “perfezione” che tu stessa definisci “sopravvalutata”. Non ti sembra una contraddizione? Qundi: come mai hai intitolato il tuo album proprio “Sopravvalutata”?

Come hai fatto? Mi hai sgamato. Con “Sopravvalutata” punto il dito proprio verso la perfezione, quella che io stessa ricerco ostinatamente. Insomma, si potrebbe dire che mi prendo in giro da sola, ed è il primo motivo per cui ho chiamato l’album proprio così.  “Sopravvalutata” vuole essere una sorta di promemoria, in primis per me, a vivere ogni cosa con una spensieratezza maggiore, liberi da tutti quegli schemi che ci imponiamo da soli.

Chi ha collaborato con te a questo disco?

Come ho già accennato più volte, Angelo Napoli è stato il mio socio in affari loschi. Si è preso cura di ogni brano così come avrei voluto che fosse. Giò D’Elia, che tra l’altro è il mio personal manager, è stato il mio angelo custode, nonché il mio co-produttore: è grazie a lui se oggi posso esibire fiera questo album, probabilmente senza il suo aiuto economico non ce l’avrei mai fatta. Un’altra lode va ai miei editori, Alessandro Angrisano e Roby Benvenuto, che meticolosamente hanno seguito la preparazione e la lavorazione (soprattutto quella fisica) di questo album. Fondamentale per me è stato poi il supporto di Nicola Della Porta, a lui devo tanto, non solo perché mi ha aiutato nella grafica di “Sopravvalutata” ma perché lui c’è sempre, qualunque sia il ruolo assurdo che io ho immaginato per lui.

Quanto è stato importante per te partecipare a “The Voice of Italy”? Cosa è cambiato e quanto è rimasto invece di quella ragazza a tre anni da quella esperienza?

L’esperienza di “The Voice” mi ha cambiata molto. Ne sono uscita sconvolta per poi scoprirmi cresciuta e più forte.  Oggi guardo da molto lontano quella ragazza che tre anni fa ho riguardato in televisione, mi rivedo così inesperta e così poco cosciente di quello che stavo facendo. Sono più che sicura di esser cresciuta molto, oggi mi conosco molto di più, mi sento meno debole emotivamente e caratterialmente, e sono felice di quello che sto costruendo. Oggi scrivo, proteggo la mia musica e mi diverto e questo anche grazie a quell’esperienza che mi ha fatto da defibrillatore.

La tua voce si dimostra davvero versatile, sempre a proprio agio nelle varie sfumature di gusto del tuo repertorio. Dobbiamo aspettarci altre sorprese nel futuro?

Io spero di sì, come ti dicevo, mi piace molto scoprirmi sempre di più e la mia felicità è anche quella di condividere le mie scoperte.

Tornando ad un futuro più prossimo immagino sia già pronto un tour. Sai già dover porterai questo nuovo disco e dove potremmo ascoltarti live?

Il tour è partito il 5 maggio, giorno d’uscita di “Sopravvalutata”, dalla Sardegna. Ho fatto poi tappa in Calabria e adesso sto risalendo. Potete trovare tutte le date sempre aggiornate sui miei social.  Questo è il periodo dell’anno che amo di più perché finalmente posso condividere quello per cui ho lavorato tanto in inverno e incontrare i miei migliori amici in ogni parte d’Italia.

 

Commento su FMD