Home Musica Recensioni Concerti Il Palaflorio di Bari travolto dal rock dei Litfiba – RECENSIONE Concerto

Il Palaflorio di Bari travolto dal rock dei Litfiba – RECENSIONE Concerto

46
0
SHARE
Crediti Foto: Blackie photo
Voto Autore

di Francesca De Luisi

Martedi 11 aprile 2017 si è tenuta al Palaflorio di Bari, l’unica tappa pugliese del tanto atteso tour dei Litfiba (leggi nostro articolo precedente) per la presentazione dell’album Eutòpia (leggi nostra recensione album).

Nonostante questi anni di silenzio, il ritorno di Piero Pelù e Ghigo Renzulli sui palchi italiani non ha deluso le aspettative.

In questa data dell’EutòpiaTour, i fan sono arrivati da ogni parte della Puglia: erano presenti ben oltre 3500 persone che hanno accolto Piero e Ghigo con un autentico tifo caloroso da stadio.

Pelù incita da subito e senza freni il pubblico, tuonando il suo “Ragazzacci” nel microfono e partendo con “Lo spettacolo”, formando in tutto il palazzetto una delirante catena di mani alzate che battono il tempo.

Il provocatorio Piero durante “Grande nazione” si avvolge nella nostra bandiera tricolore, stringendosela a cappio intorno al collo, mentre il palco continua a surriscaldarsi da note di rock puro, che sprigionano dalle loro canzoni.

litfiba
Crediti Foto: Blackie photo

Intensa versione voce e piano “Lulù&Marlene” sempre presente da vent’anni nelle loro scalette live, mentre “Resta” viene introdotta da un discorso di Piero sulle energie pulite e il disastro di Chernobyl a cui si ispira, “Tex” è stato arricchito da un lungo assolo di chitarra di Ghigo.

Piero fa una breve introduzione anche su “Maria coraggio” (leggi nostro articolo in merito), dedicate alle donne vittime di mafia, continuando poi con la violentissima “Dimmi il nome” «per coloro che combattono contro lo strapotere della mafia in questo paese».

Durante “Regina di cuori” Piero invita le ragazze a tirar fuori le tette , come sua consuetudine, instantaneamente sul palco arriva il primo reggiseno, seguito subito dopo da altri, e alla fine la coraggiosa regina della tappa pugliese appare tra la folla, mostrando i capezzoli.

Nessuno tra il pubblico è riuscito a stare seduto per tutta la durata di questo grande spettacolo, tutti gli spalti erano in piedi a ballare, cantare e pogare. Questo concerto si è rivelato una grandissima festa “sudaticcia” come direbbe Piero, intrisa di rock puro, e incorniciata anche dal bellissimo lavoro fatto su luci e vidiwall.


Galleria foto Litfiba – concerto 11 aprile 2017 al Palaflorio di Bari – Crediti Foto Blakie Photo e Francesca De Luisi

Una scaletta lunga ed equilibrata, come lo stesso Pelù spiega in un’intervista: “Costruire la scaletta è stato difficilissimo perché abbiamo dovuto scartare 5 canzoni su 6 della nostra produzione. La rosa iniziale vedeva 60 candidate che abbiamo portato a 23“.

Infatti ogni brano scelto, rappresenta almeno una canzone da ogni disco del gruppo, escludendo intelligentemente i dischi della storica scissione durata 10 anni tra il cantante e Ghigo Renzulli.

Complimenti agli storici Litfiba e alla loro smagliante forma, e un grande plauso va anche agli energetici musicisti che li stanno accompagnando in tour: Fabrizio Simoncioni alle tastiere, Ciccio Licausi al basso e Luca Martelli alla batteria.

L’ultima data primaverile dell’EutòpiaTour si conclude stasera 13 aprile ad Acireale; si riparte poi in estate con 4 date a Luglio a Legnano, Brescia, Majano e Villafaranca.

litfiba
Crediti Foto: Blackie photo

SCALETTA DEL CONCERTO

Lo spettacolo
Grande nazione
Il dio del tuono
L’impossibile
Sole nero
Straniero
Vivere il mio tempo
Spirito
Fata Morgana
La mia valigia
Maria coraggio
Dimmi il nome
In nome di Dio
Tex
Intossicato
Resta
Lulù e Marlene
Regina di cuori
Gioconda
Lacio drom (Buon viaggio)
Gira nel mio cerchio
Break On Through (to the Other Side) / Tequila
El diablo  

BIS

Eutòpia

 

La nostra Francesca De Luisi con la splendida e gentilissima MariaGreca Colamartino

In collaborazione con Vurro Concerti Srl, che ringraziamo.
Special thanks a Pasquale Vurro e alla sua preziosa collaboratrice MariaGreca Colamartino.

Commento su FMD