Home Rubriche Rubrica Televisione BOTTA E RISPOSTA SU FACEBOOK TRA ELISA E MORGAN DOPO LE DICHIARAZIONI...

BOTTA E RISPOSTA SU FACEBOOK TRA ELISA E MORGAN DOPO LE DICHIARAZIONI DI MARIA

302
0
SHARE
elisa morgan
Voto Utenti
[Total: 5 Average: 3.4]

di Mela Giannini

Ormai tutti dicono la loro, come una reazione a catena, dopo la dipartita di Morgan da Amici, confermata ieri dalla stessa Maria De Filippi (leggi nostro articolo in merito).

Dopo la replica di Morgan (leggi nostro articolo in merito) ieri sera su facebook, a seguito delle dichiarazioni di Maria De Filippi – intervenuta nella giornata di ieri per spiegare cosa era successo durante la registrazione del 4° serale di Amici, puntata in cui Morgan lascia il talent in polemica con pubblico, ragazzi, professori, giudici e produzione compresa – oggi arriva, sempre a mezzo social, sempre facebook, la risposta di Elisa a Morgan.

elisa morgan


Questo quanto scritto da Elisa:

Ciao Marco,
mi dispiace molto leggere le tue parole.
Mi rendo conto dalle tue affermazioni,che mi ritieni, insieme ad altri, imprigionata e schiava di un sistema televisivo.
Non è così. Ad Amici ho avuto e ho la libertà in cui credo e di cui ho bisogno, senza la quale non sarei venuta a ricoprire questo ruolo.
Ho visto un video in cui dici che ti venivano segretamente date dai ragazzi delle liste di brani da cantare… In tre anni ad Amici non ho mai dovuto discutere di nulla in segreto con i ragazzi che ho seguito. Anche a me è capitato di scegliere brani di Luigi Tenco e dei Pink Floyd e dei Beatles e di colonne portanti della musica italiana e internazionale, e non ho mai dovuto spiegare la musica.
La musica, quando aderiva alla personalità del ragazzo o della ragazza che doveva cantarla, non aveva bisogno di spiegazioni.
Ho anche sentito che dicevi di essere in vantaggio, avendo ancora quattro persone nella tua squadra. Anche i blù sono esattamente quattro, quindi le squadre sono pari.
Credo che non siamo noi coach ad essere in vantaggio o svantaggio o pari, ma che lo siano loro.
Questa non è la nostra partita o la nostra gara, è la loro. E non è nemmeno una gara, è proprio la loro vita. Quei minuti su quel palco in cui possono dire chi sono fanno parte della loro vita.
Noi come coach possiamo prepararli e accompagnarli e sostenerli, ma non fargli fare ciò in cui loro non credono.
I ragazzi non sono contenitori da riempire, non sono lì per veicolare il mio o il tuo messaggio, ma devono trovare il loro di messaggio.
Alcuni sanno cosa vogliono dire e altri lo stanno cercando. Tutto questo non è ancora cultura ma qualcosa di questo potrebbe diventarlo, il passato che tu ami è stato un tempo il presente.
Amici dà la possibilità di realizzare un sogno e osserva la realtà di persone che stanno provando a costruire il loro futuro nel mondo dello spettacolo.
Il sottile e delicato equilibrio tra la ricerca e il motivo orecchiabile, tra la scena e la danza imprevedibile e quella rassicurante, sono ingredienti fondamentali della cultura popolare. Tutt’altro che facili da realizzare, devono solo sembrare semplici, ma non lo sono. La semplicità e l’immediatezza di qualcosa che arriva a tutti è un punto d’arrivo. Credo che tutti i grandi artisti che spesso citi, indipendentemente dall’epoca a cui appartengano, questo lo sappiano molto bene.
Per questo io, onestamente, sono fiera di far parte della cultura di massa, del popolo. Di far parte del mondo del pop. Sono grata di tutte le ispirazioni e le intuizioni, dei sentimenti e delle idee che ho avuto che sono state abbastanza da far parte della vita degli altri, e non più solo della mia.
Elisa

Elisa Morgan

Ma non finisce qui, perchè qualche ora fa Morgan, come un fiume in piena, ha continuato a scrivere sulla sua bacheca, e questa volta riportando uno sfogo, mediante una e-mail, inviata il 10 aprile ad alcuni suoi amici.

Questo quanto scrive Morgan:

Qualche giorno fa ho messo a fuoco quello che stava capitando, anche se non avevo del tutto chiaro come ora che finalità aveva tutto questo, ho scritto in forma privata questa desolante forma di richiesta di aiuto ad alcuni veri amici e ora ho deciso di pubblicarla.

 

Elisa Morgan
Fonte bacheca facebook di Morgan

‘Amici’ di Morgan

Esperienza Mediaset: molto difficile, molto rischiosa, un po’ scioccante, ci sto provando, vi dico una cosa: mi tappano la bocca, ancora prima che inizi a parlare, non mi fanno esibire, non mi danno libertà di costruire percorsi musicali pensati ad hoc per i concorrenti, non ho libertà di scelte, interferiscono continuamente con il mio lavoro senza alcuna cognizione o competenza, in sostanza non mi lasciano parlare di musica né divulgarla attraverso il video però non esitano minimamente a ingigantire le insicurezze dei giovani concorrenti che, impauriti fomentati completamente travolti da un clima di panico, di segregazione cupa priva di stimoli o supporti didattici e loro reagiscono naturalmente in maniera scomposta (e li comprendo) diffidando di me, non studiando, nemmeno accettando le “proposte” che da me provengono sui brani assegnati (frutto di ricerca e lavoro artigianale del sottoscritto e suoi collaboratori per realizzare sonorità originali), e notate che il regolamento dice che le assegnazioni sono incontestabili, e invece io sono sempre stato disposto a sviluppare uno spirito critico e di autosufficienza nella loro personalità, ma qui siamo al paradosso. De André, Piazzola, Pink Floyd, Battiato, Beatles, Endrigo, Ciampi, Mogol, Lou Reed, Modugno, Jonny Cash, Trent Reznor, Brian Eno, Ultravox, per dire alcuni degli autori respinti a gran voce, tutto schifo, tutto merda, tutto inutile, tutto vecchio, spazzatura.

Sono i concorrenti a dirlo, e a dire quello che vogliono fare, anche con superbia, insomma cioè quei pochissimi privilegiati che hanno avuto accesso alla gara, i talenti della mia squadra, ammutinati, allo sbando. Altro che bestie da mettere in scena, oggetti, scatole, preferibilmente da non riempire. Non conoscono quelle canzoni (opere) ma si rifiutano di eseguirle. Tutto questo vissuto con nonchalance, dagli adulti, come se niente fosse, tutto normale.

Il pubblico? Uno sciame in continuo vociare in continuo mai cessante, incodificabile tifo ma comodissimo per qualsiasi sparata demagogica, o peggio per qualsiasi furioso impietoso banalissimo attacco al più debole, al meno difeso. Gara al linciaggio, e pure questo dura una frazione di secondo, verrà immediatamente sommerso da un boato, per cosa? Boh, non si capisce.

Mi dicono che è così che funziona. No, per me è strano. Mai capitato prima d’ora. Pensavo che se c’era una cosa che mi veniva bene e non si trattava di un personale delirio ma di una cosa dimostrata più volte, pubblicamente, in molte occasioni fosse fare innamorare di ciò che amo, delle canzoni e dei racconti sulla musica. Non mi occupo di altro, sono un musicista, come altri, amo e parlo di musica non ci tengo a dire la mia in argomenti che non padroneggio. Sono forse un po’ “di nicchia” ma è certo che rispetto la musica e con entusiasmo e curiosità prendo e do informazioni, lo faccio con serietà, dedizione e studio, perché la competenza e il merito sono i requisiti fondamentali. Ma qui non si può parlare manco di rispetto, perché è ovvio che oltre a non rispettare me come persona e come professionista non si rispetta proprio la musica, cioè non frega proprio niente di niente. Ovvio che non si coglie il lavoro sulla musica, credo proprio che non lo si considera utile da queste parti, forse addirittura cosa da evitare assolutamente, non sia mai!

Sarà perché non ho tanto di interagire realmente con i concorrenti (tranne qualche rigorosamente e imbarazzantemente registrato momento di “lezione” in cui però si parla quasi sempre non di musica ma della “gara”) così da poterli conoscere veramente e così da poter insegnare o trasferire qualcosa loro con la passione e l’impegno che metto a disposizione. Mi intortano con la scusa che il pubblico è ignorante, e quindi tale deve rimanere. Nossignori, nossignori.
Secondo me LA GENTE NON È SCEMA, IL PUBBLICO NON È SCEMO E MERITA IL RISPETTO DI CHI GLI ENTRA IN CASA.

Trattiamolo come noi vorremmo essere trattati, e soprattutto parliamogli come si fa con degli interlocutori che riteniamo degni, non pensando che tanto loro non capiscono.

Io suono e parlo di musica. Questo so fare, questo sarei stato chiamato a fare, ma non riesco. Sono gettato nel discredito, sono snaturato, completamente depotenziato, delegittimato, sfruttato male, svuotato, deriso, insultato, e assisto ad una incredibile presa per i fondelli mia, dei giovani e indifesi talenti, e del pubblico. A che pro? A chi giova?
Morgan, con grande amarezza.

elisa morgan

Subito dopo questo post, qualche ora dopo, Morgan ha postato la lista delle canzone assegnate ai ragazzi di Amici, specificando quali erano “assolutamente vietate” (a suo dire), quali non prese in considerazione, quali quelle stroncate sul nascere e quali quelle accusate di aver generato malcontento. Nella lista delle canzoni “assolutamente vietate” compaiono nomi quali Fabrizio De Andrè, Lou Reed, Franco Battiato, Eugenio Finardi, Luigi Tenco, Francesco Guccini, U2, Bruce Springsteen, Roxy Music – Brian Eno, Giorgio Gaber, Talking Heads, David Bowie, Laurie Anderson, Gino Paoli – Umberto Bindi, Depeche Mode, Piero Ciampi… e altri.
Morgan ha anche annunciato una video diretta su facebook.

Questo quanto scritto da Morgan:

Questo è il mio programma che purtroppo è stato censurato, offuscato, severamente vietato. Repertorio di canzoni che io avrei voluto far cantare ai ragazzi, pensate per loro sulla loro estensione vocale e sul loro genere. Ecco a voi la mia spazzatura.
Vi anticipo che stasera farò una diretta facebook qui sulla mia pagina. Vi aspetto.

elisa morgan

Ognuno tragga le sue conclusioni…

Commento su FMD