Home Musica BOB DYLAN ALLA FINE E’ ANDATO A PRENDERSI IL NOBEL A STOCCOLMA...

BOB DYLAN ALLA FINE E’ ANDATO A PRENDERSI IL NOBEL A STOCCOLMA – MA NIENTE GIORNALISTI E FOTOGRAFI

277
0
SHARE
Voto Utenti
[Total: 18 Average: 4.3]

di Veronica Ventavoli

Il “Menestrello d’America” è finalmente deciso di andarsi a prendere il diploma e la medaglia commemorativa del Nobel per la Letteratura (argomento di cui abbiamo parlato in un articolo precedente). Lo ha ricevuto ieri sera a “porte chiuse”. Per sua volontà, così come dichiarato dall’Accademia, alla cerimonia di consegna sono stati interdetti giornalisti e fotografi.

E così viene posta la parola “fine”, si spera, alle polemiche scatenatesi a seguito della sua mancata presenza al gala ufficiale del 10 dicembre scorso.

bob dylan
Patti Smith emozionatissima alla cerimonia della consegna del Nobel

Come si ricorderà, in quell’occasione l’artista aveva inviato al suo posto una commossa Patti Smith, mentre l’ambasciatrice USA Azita Raji lesse un messaggio in cui Dylan si diceva stupito e onorato di essere stato insignito di un premio tanto prestigioso, oltre che rammaricato di non poter presenziare alla cerimonia.

Devo ammettere che non avevo mai neppur lontanamente immaginato di poter ricevere il Premio Nobel per la letteratura”, spiegava Dylan nel comunicato, “non saprei dire quanti uomini e donne hanno mai immaginato di poter ambire all’onore del Nobel, ma io penso che chiunque stia scrivendo un libro, un poema, o un’opera teatrale, in qualunque parte del mondo, nasconde quel sogno segreto dentro il suo animo, racchiuso nel profondo, tanto da ignorarne addirittura l’esistenza”.

bob dylan
Video del discorso da parte dell’ambasciatrice Americana alla cerimonia di consegna dei Nobel il 10 Dicembre 2016.

L’Accademia svedese e Bob Dylan hanno concordato di incontrarsi durante il weekend”, aveva dichiarato qualche giorno fa la segretaria dell’Accademia svedese Sara Danius, precisando che “la cerimonia avverrà con il comitato ristretto e nell’intimità. Nessun media sarà presente, come da desiderio dell’artista”.

La data dell’evento non è casuale: con quello che la stampa ha definito “un perfetto tempismo promozionale”, il giorno precedente la cerimonia è uscito il nuovo album di Dylan, “Triplicate”, dedicato agli standard della canzone americana in omaggio al crooner per eccellenza, Frank Sinatra; mentre questa sera 2 Aprile e domani sera 3 Aprile il Bardo di Duluth terrà una serie di tre concerti al Waterfront di Stoccolma.

bob dylan
Nuovo album di Bob Dylan “Triplicate”

Se l’aver deciso di ritirare personalmente il Nobel riscatta Dylan dalle accuse di mancanza di riguardo nei confronti dell’Accademia svedese e della Fondazione Nobel la scelta, da parte di queste ultime, di premiare l’opera del cantautore americano con il Nobel per la Letteratura ha offerto una risposta indiscutibilmente chiara all’annosa questione del considerare o meno “letteratura” i testi di alcune canzoni.

Dylan ha dimostrato grande umiltà al riguardo, come prova la conclusione del suo discorso letto dall’ambasciatrice Azita Raji: “Nemmeno una volta ho mai avuto il tempo di chiedermi, Ma le mie canzoni sono opere letterarie? Pertanto ringrazio l’Accademia svedese sia per essersi presa la briga di considerare questo quesito spinoso, sia per aver trovato una risposta così gratificante per me”.

bob dylan
Video dell’intervento-performance di una emozionatissima Patti Smith, in vece di Dylan, alla cerimonia di consegna del Nobel 2016

 

SHARE
Previous articleAlberto Salerno, Mogol, Lavezzi e Mussida lanciano una petizione per rinnovare il Festival di Sanremo
Next articleÈ partito da Miami il Tour 2017 dei Radiohead
Veronica Ventavoli

Pistoiese di nascita, prima di laurearmi in Storia medievale all’Università di Siena e poi in Storia contemporanea a La Sapienza di Roma, ho lavorato per oltre dieci anni come cantante solista e in vari gruppi di cover toscani. In tale veste, vincendo quella che al tempo si chiamava Accademia della Canzone di Sanremo, ho avuto l’opportunità di partecipare all’omonimo Festival del 2005 classificandomi al terzo posto nella categoria Giovani. I primi ricordi nitidi che ho mi vedono impegnata a inventare e disegnare cartoni che non si sono mai animati, a imitare nei cortili parenti e personaggi famosi, a consumare i tanti 45 e 33 giri ricevuti in regalo da zii, cugini, vicini di casa: fra le sigle di Fantastico e il prog italiano degli anni Settanta, tra Pupo e i Beatles, anche se priva di fratelli e sorelle non mi sono mai sentita sola! Gli amici mi chiamano “scimmietta” perché sono tuttora curiosissima di conoscere canzoni, libri e film. Sono – da sempre, mi pare – devotamente innamorata di gatti, pastasciutte, David Bowie, Anna Marchesini e “Cipì” di Mario Lodi.

Commento su FMD