Home Musica Recensioni Concerti L’ex Genesis, Steve Hackett, in concerto a Torino al Teatro Colosseo –...

L’ex Genesis, Steve Hackett, in concerto a Torino al Teatro Colosseo – RECENSIONE

79
0
SHARE
steve hackett
Voto Autore

di Athos Enrile

Steve Hackett arriva a Torino il 29 marzo, Teatro Colosseo, e il sold out è scontato.

La musica dei Genesis continua ad entusiasmare gli uomini antichi e i loro figli, magari anche i nipoti, e una sommaria indagine visual anagrafica del pubblico presente conforta il mio pensiero.

Per chi volesse godere di quelle atmosfere magiche in modo diretto le brave tribute band non mancano, ensemble capaci di riportati indietro di mezzo secolo le lancette dell’orologio con proposte fedelissime rispetto alle origini, ma per il marchio di fabbrica esiste ormai una sola possibilità, quella di ascoltare e vedere Hackett con la sua consolidata band.

steve hackett

Un concerto del genere non lo si può giudicare spaccandolo in due, ovvero analizzando la musica targata Genesis – cospicua parte di serata, quella per cui era lì la massa -, e la discografia solista del chitarrista, trame meno conosciute, alcune appena rilasciate, atmosfere a cui occorre prendere le misure.

Mi ritengo fortunato nell’aver provato veri brividi all’arrivo del cantato “Play me my song” (The Musical Box) – anche se la voce di Nad Sylvan è lontana dalla timbrica di Gabriel -, e credo che certi dettagli, da soli, diano significato alla presenza in una sera di mezza settimana, magari a 150 chilometri da casa.

La band si propone con Roger King alla tastiere, Gary O’Toole alle percussioni e voce, Rob Townsend ai fiati e percussioni, Nick Beggs al basso e il già citato Nad Sylvan alla voce, che entrerà in gioco in ritardo rispetto al resto della band.

Hackett giustifica il nome del tour – Steve Hackett Genesis Revisited with Classic Hackett 2017 -miscelando le carte, come è visibile dalla scaletta a seguire, trovata in rete:

steve hackett

Setlist

Every Day
El Nino
The Steppes
In The Skeleton Gallery
Behind The Smoke
Serpentine Song
Rise Again
Shadow Of The Hierophant
Eleventh Earl Of Mar
One For The Vine
Horizons
Blood On The Rooftops
… In The Quiet Earth
Afterglow
Dance On A Volcano
Inside And Out
Firth Of Fifth
The Musical Box

Il bis

Slogans
Los Endos

 

steve hackett
Crediti Foto Athos Enrile

Se è vero che il side Genesis è quello che più mi ha  entusiasmato, è altrettanto vero che ho trovato interessanti gli atti del solo Steve, con la ricerca di una strada nuova, distaccata dal brand con cui Hackett è marchiato a fuoco; la qualità di chi lo circonda incide notevolmente, con una sezione ritmica potente ed elegante – impazzisco per l’impugnatura di O’Toole, poco usata dai batteristi rock -, con diverse concessioni allo spettacolo, soprattutto di Beggs. Molto incisivo il gioco musicale di Townsend che riesce a caratterizzare parti precise del set, mentre concede poco alla platea un musicista fantastico come King, uno che preferisce la concentrazione alla dinamicità da palco. Sylvan ha una voce particolarmente adatta al genere e non tenta di scimmiottare i suoi predecessori: i suoi duetti col drummer mi sono apparsi riusciti.

Steve è sempre Steve, molto più spigliato di un tempo, più propenso al contatto col pubblico e al dialogo con sfumature in italiano. La sua abilità di chitarrista e la sua verve creativa sembrano ancora evolvere, e va sottolineato che la sua azione non è solo rivolta ad una mera riproposizione del passato, ma tende verso nuovi percorsi e obiettivi, passando per i live infiniti e per nuovi album, nel tempo in cui i grandi del passato hanno pressoché cancellato la presenza discografica, almeno dal punto di vista degli inediti.

Ho provato a registrare parte di ciò che ho visto, anche se la notevole distanza ha condizionato la registrazione, ma il ricordo resta…

steve hackett
Steve Hackett a Torino- “Medley”
Crediti video Athos Enrile

E quando arriva l’immancabile Firth Of Fifth mi ritorna in mente un giorno preciso della mia adolescenza, ancora a Torino, serata in cui i Genesis proposero Selling England By The Poud: un momento da lacrime… di felicità!

steve hackett
Steve Hackett-“Firth of Fifth”
Crediti video Athos Enrile

Commento su FMD