Home Musica Interviste INTERVISTA AD OSVALDO PIZZOLI, CO-AUTORE DEL MUSICAL “FIGLIOL PRODIGO”

INTERVISTA AD OSVALDO PIZZOLI, CO-AUTORE DEL MUSICAL “FIGLIOL PRODIGO”

151
0
SHARE
figliol prodigo
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 4]

di Claudio Ramponi

Ciao Osvaldo, grazie ai social ho potuto seguire con piacere i tuoi spostamenti in giro per il mondo con il tour di Siddartha – Il Musical. Ora sto seguendo questa tua nuova esperienza con l’organizzazione Eventi di Valore nel musical Figliol Prodigo.

Sono collegate le due cose?

Sì, sono collegate, come pure è collegato un altro musical che debutterà l’8 dicembre 2017 al teatro Ariston di Sanremo dal titolo Sanremo Musical.

Ossia, tutti organizzati da Eventi di Valore?

Sì, esattamente. La mente ideatrice è la regista Isabella Biffi in arte Isabeau.

Come sei entrato in contatto con lei?

Semplice fortuna di averla conosciuta, tanti anni fa; un giorno mi chiamò per registrare delle parti di flauto e rimase incantata, Così iniziò anche il mio contributo come autore della parte musicale.

Per cui figuri anche come autore di questi musical?

Si, soprattutto come autore, tranne che per Siddartha a cui ho contribuito come flautista.

Siddharta ti ha portato in giro per il mondo, mentre Figliol Prodigo è partito (se ho capito bene) come spettacolo per i carcerati. Ciò è dovuto a specifiche finalità benefico umanitarie di Eventi di Valore o si tratta di una circostanza casuale?

Tutto nasce dal fatto che Isabeau dal 2007 collabora col carcere di massima sicurezza di Opera, in cui ha allestito un laboratorio artistico nel quale istruisce i detenuti portandoli all’apprendimento del canto e della recitazione.

Devo dire che finora ha avuto un successo incredibile, Papa Francesco ha dato il permesso di mettere la sua foto sul CD in uscita definendo Figliol Prodigo “il musical del giubileo del carcerato”.

I guadagni andranno al carcere per contribuire alle spese di gestione.
Ora si sta progettando di portare lo spettacolo in giro per tutta Italia.

 

Come sei riuscito a conciliare questi impegni con quelli dei Panda?

Il lavoro coi Panda è un lavoro tranquillo, questo dei musical è troppo interessante e creativo, mi ha coinvolto emotivamente e ne sono entusiasta

Ci sono già delle date fissate per il tour di Figliol Prodigo?

Ci sono molti teatri che hanno chiesto di avere il musical e stanno cercando di risolvere le procedure burocratiche relative soprattutto a questioni di Sicurezza in quanto stiamo parlando di carcerati.

Ci sono già due anteprime nel teatro della casa di reclusione Milano Opera, 29 e 30 Marzo.

Comunque e’ finanziato anche dalla Regione Lombardia e dal Ministero.

Per cui li porterete in tour?

Certamente, se non ci saranno intoppi. Hanno già fatto una decina di date, tra cui l’Ariston di Sanremo.

E lo stesso cast utilizzato per Sanremo Musical?

No, per Sanremo Musical ci sono cantanti, attori e ballerini professionisti. Abbiamo ricevuto contatti dalla Russia e dall’Australia.

La prima sarà l’8 dicembre 2017 all’Ariston di Sanremo, poi al teatro Ciak di Milano, e per l’ultimo dell’anno 2017 in Bulgaria, davanti ad un pubblico di 12.000 spettatori.

Beh, veramente lodevole l’intento per Figliol Prodigo. Immagino che la trama sia una trasposizione della Parabola Evangelica

Esattamente quella.

Che ruolo interpreti?

Io interpreto il ruolo di autore della parte musicale, mentre in Sanremo Musical sono anche arrangiatore insieme ad altri 2 collaboratori, Gino Zandona’ e Silvio Melloni.

Per cui non partecipi come cantante/attore?

No, assolutamente no. Ci sono dei ragazzi giovani e veramente bravi

Ma tu sei un ragazzo giovane e questi impegni ti ringiovaniscono ancor più…

(Ride) io sono un ragazzo sempre fermo nel tempo, ma di una volta.

Sono molto lieto per te. Quando è uscito il CD “Figliol prodigo (Il musical del Giubileo)”?

Il 19 dicembre 2016 per la Casa discografica Silvius.

 

Vuoi aggiungere qualcosa?

Volentieri, un abbraccio a te e grazie per la cortese ospitalità.

N.B. INFO PRESSO SITO Compagnia teatrale ‘Eventi di valore’

 

SHARE
Previous article“Spirit”, il disco politico dei Depeche Mode senza deriva revival – RECENSIONE
Next articleRAI UNO SPOSTA A SETTEMBRE LO SHOW DI FIORELLA
Claudio Ramponi
Claudio Ramponi Cremona 08-08-1956 Comincia a studiare musica all'età di 8 anni presso la Banda Musicale Cittadina di Romagnano Sesia. Nel 1971 forma il gruppo Pick-up con Franco Serafini e Claudio Allifranchini. Nel 1973 sempre con i Pick-up collabora con l'Orchestra di Luciano Fineschi ed inizia a studiare basso e chitarra classica col M° Antonio Mastino. Nel 1974 con i Museum inizia professione di musicista suonando nei principali dancing del Nord Italia. Nel 1975 passa con i Fango (che cambieranno poi il nome in Fantastic Big Orchestra e quindi Fragola & Panna) restandoci fino agli inizi del 1978, dovendo interrompere causa servizio militare, prestato nella Fanfara della Brigata Alpina Taurinense in cui suona il trombone a coulisse. Nel 1979 entra a far parte dei Panda appena prima della scissione del gruppo e con i fuoriusciti membri forma il gruppo Everest con cui registra per la PolyGram Italiana il singolo "Hey città / Park Hotel". Nel 1982 scrive gran parte dei testi per l'album di esordio di Franco Serafini, tra cui il singolo "Se ti va cosí". Nel 1984 si iscrive al Conservatorio Antonio Vivaldi di Novara dove studia contrabbasso per 2 anni col M° Giorgio Giacomelli e consegue la Licenza di Teoria e Solfeggio sotto la guida del Mº Gabriele Manca. Dal 1986 al 1997 lavora come bassista freelance con diversi gruppi ed orchestre tra cui Kalliope, Working Brass, Cabarock, Diego Langhi Big Band, Claudio Allifranchini Big Band, Daniele Comoglio Quartet. Collabora inoltre con la Vetriolo S.r.l. alla realizzazione di jingles pubblicitari in onda sui principali network nazionali. Nel 1991 conosce Raffaele Fiore e con lui collabora alla realizzazione dei testi ed arrangiamenti oltre alla produzione dell'opera rock "4uattro" portata in scena in diversi teatri del novarese tra cui il Faraggiana di Novara, il Silvio Pellico di Trecate ed il Comunale di Oleggio. Contemporaneamente collabora come polistrumentista con la Compagnia La Goccia di Novara per le rappresentazioni teatrali dei musical "Jesus Christ Superstar", "Hair", "Tommy" e diversi Concerti Tributo ai Beatles. Inoltre si unisce, in qualità di corista, al gruppo A Fourty One che allestisce un mega tributo ai Queen con due gruppi contemporaneamente sul palco ed un coro di 20 persone, portato in scena in diversi palasport, teatri e locali di Piemonte e Lombardia tra il 1992 ed il 1995. Nel 1997 si trasferisce a Tenerife, Isole Canarie, dove tuttora risiede esercitando la professione di musicista nei principali hotel.

Commento su FMD