Home Musica Green Day: Sold Out per la tappa bolognese del Revolution Radio Tour...

Green Day: Sold Out per la tappa bolognese del Revolution Radio Tour – RECENSIONE

454
0
SHARE
Voto Autore

Di Angela Paonessa

Quando qualche mese fa uscirono le date delle tappe italiane del Revolution Radio Tour dei Green Day (leggi nostro articolo precedente) una sola parola mi frullava in testa: ANDARE!!! Ed è proprio così che comincia il viaggio della mia recensione, un diario in cui ho annotato un altro concerto memorabile, un’altra esperienza da sballo con uno dei miei idoli, Billie Joe!

Molte volte mi sono chiesta: “ma chi lo dice che venerdi 13 porta sfiga?” Considerando il fatto che per me è stata una giornata incredibile e piena di soddisfazioni musicali al concerto dei Green Day tenutosi all’Unipol Arena di Bologna (che in realtà si trova a Casalecchio sul Reno) proprio venerdi 13 gennaio 2017!

Crediti Foto Schicchi

L’euforia mi assale d’un tratto e mentre sono intenta a riempire lo zainetto del viaggio con bottigliette d’acqua, chips e qualche sandwich mi ripeto più volte “il biglietto d’ingresso sta nella tasca interna, nella tasca interna“, continuando a verificare costantemente come se qualcuno da un momento all’altro dovesse farlo sparire magicamente!

Un viaggio tranquillo con preparazione corale per ripetere tutti i pezzi che conosco e arrivo all’Unipol Arena che, manco a dirlo, è stato letteralmente preso d’assalto dai 13.000 fan accorsi a vedere Billie Joe Armostrong, Mike Dirnt e Trè Cool.

Crediti Foto Schicchi

Attesa interminabile, come ad ogni concerto d’altronde, e apertura dei cancelli. La lunga fila inizia a muoversi, ognuno si dirige verso il proprio settore d’appartenenza per prendere posto. Via le luci, parte la soundtrack de Il buono, il brutto e il cattivo di Ennio Morricone sulle quali note i Green Day conquistano il palco e avviano il loro show.

Ed eccola, la potente batteria di Trè Cool che introduce Know your enemy: è l’apoteosi. E’ come se fosse arrivato un perentorio ordine dal palco che dice: SALTARE!!! Ed è inutile dire che quasi tutto il concerto è un’infinita fonte di adrenalina dalla quale attingere senza sosta, e solo verso la fine, dopo quasi 30 pezzi eseguiti senza interruzione, solo dopo che la band californiana di Berkeley ha sapientemente eseguito una scaletta che comprendeva brani storici come Minority, Still Breathing, Dookie e decine di altri successi sfornati in 23 anni di carriera, solo dopo che Billie Joe, con la sola chitarra acustica ci ha dato la buonanotte con Ordinary World e Good Riddance.

Crediti Foto Schicchi

Ecco… solo allora l’adrenalina ha cominciato a placarsi e ad essere smaltita dall’organismo, facendoci tornare coi piedi per terra e farci rendere conto che lo spettacolo era ormai terminato e che era giunta l’ora di tornare alle nostre auto, alle nostre solite vite, alle nostre routine.

E proprio adesso, aspettando il prossimo concerto consigliandovi di partecipare, vi lascio la scaletta del tour. Riscaldate le voci: si riparte!


La scaletta completa:

  •     Know Your Enemy
  •     Bang Bang
  •     Revolution Radio
  •     Holiday
  •     Letterbomb
  •     Boulevard of broken dreams
  •     Longview
  •     Youngblood
  •     Hitchin’ a ride
  •     When i come around
  •     Christie Road
  •     Burnout
  •     Scattered
  •     Minority
  •     Are we the waiting
  •     St. Jimmy
  •     Basketcase
  •     She
  •     King for a day
  •     Shout/(I can’t get no) Satisfaction/Hey Jude
  •     Still breathing
  •     Forever now
  •     American Idiot
  •     Jesus of Suburbia
  •     Ordinary World
  •     Good riddance (Time of your life)

    PER VISUALIZZARE IL VIDEO CLICCARE SULL’IMMAGINE
    Green Day – Il regalo della chitarra al ragazzino Juri – UNIPOL ARENA BOLOGNA – Gennaio 2017
    Video di Paolo Giorgio

Commento su Faremusic.it