Home Musica Recensioni Album Je Suis, le note indignate dei 60 Frame

Je Suis, le note indignate dei 60 Frame

725
0
SHARE
60Frame Je suis FB
Voto Autore
di Gloria Dibi

I 60 Frame sono un duo marchigiano composto da Giorgio Strada e Lorenzo Giustozzi. Nati inizialmente come trio con cui hanno partecipato a diversi programmi televisivi come Music On The Road su Match Music, Castrocaro 2013 arrivando alla finalissima trasmessa in prima serata su Rai Uno, tornano ora come duo a distanza di due anni dall’ultimo lavoro insieme con il dirompente singolo Je Suis.

In questi due anni Giorgio e Lorenzo hanno creato una forte identità musicale che ben bilancia le loro provenienze artistiche tra rap, pop e sonorità elettroniche con un abile utilizzo di synth e drumpad.

Je Suis è un singolo forte e carico di significato nato dopo gli attentati di Charlie Hebdo, del Bataclan e di Bruxelles. Abbiamo vissuto tutti quei momenti tramite i notiziari, i giornali, ma soprattutto sui Social, come accade in quest’epoca . E proprio da qui nasce l’indignazione del duo urlato al mondo con frasi emblematiche sui social verso un finto dolore che oggigiorno fingiamo ci appartenga . Ma il nostro interesse spesso si ferma lì, non va oltre.

“Il giorno dopo torniamo a condividere sulle nostre bacheche i gattini” – dicono i 60 Frame intervistati da FMD Blog“Quello che ci ha colpito è anche la reazione delle persone di fronte ad eventi catastrofici o atti di terrorismo. È la reazione a un dolore che non provano, che non appartiene al loro contesto. Ma pur di rimanere social si rendono sociali, ma di fatto rimangono solo social”.

Devi essere te stesso prima di essere Je Suis”, questo cantano in Je Suis i 60 Frame. Di seguito il video realizzato da Manuele Sacchi e Alessandro Marconi.

Il singolo anticipa l’uscita dell’album “Canzoni nell’armadio”, la cui uscita è prevista dopo l’estate ma avremo modo di sentire ancora il duo nei prossimi mesi con nuovi singoli. La Produzione è curata da Anteros in collaborazione con Emilio Munda per Sugar Music. Possiamo intanto seguire i loro aggiornamenti su Facebook, Twitter e ascoltare i loro pezzi su Spotify.

Commento su FMD