Home Musica e Diritto SIAE, incassi boom nel primo semestre 2016. Le classifiche

SIAE, incassi boom nel primo semestre 2016. Le classifiche

655
0
SHARE
Voto Autore

Di Angela Paonessa

La SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori) ha da poco reso pubblico il resoconto sull’andamento delle attività culturali del primo semestre del 2016, con risultati da capogiro. I dati, elaborati dall’Ufficio Statistica, affermano un rilancio economico per il settore dello spettacolo, confermando la via d’uscita dalla crisi già intravista lo scorso anno.

Dal confronto tra il 2015 ed il 2016 emerge, di fatto, l’aumento degli indicatori nelle seguenti percentuali: +3,81% per numero di spettacoli, +7,30% di ingressi, +8,76% di incassi al botteghino, +5,06% per spesa del pubblico, +1,64% per volume d’affari.

Uno dei settori maggiormente interesati risulta essere il Cinema con un’affluenza aumentata, come confermato dai dati nel primo semestre 2016, pari al +14,35% di ingressi e al +14,88% per volume d’affari. Uno sviluppo dovuto soprattutto a film con incassi record come Quo vado? (regia di Gennaro Nunziante e interpretato del grande Checco Zalone) e Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese (lungometraggio che ha riscosso grande apprezzamento da parte del pubblico, anche per la colonna sonora interpretata dalla bravissima Fiorella Mannoia), e ancora il musical Notre Dame de Paris scritto da Luc Plamondon e messo in musica da Riccardo Cocciante.

Risultati positivi anche per il Teatro che vede avanzare il volume d’affari con un +17,03%, un +14,79% di spesa al botteghino e +16,60% di soesa del pubblico. In crescita anche il settore dello Sport con un +16,60%.

Primo per incassi e presenze ai concerti è Vasco Rossi che con il raduno allo Stadio Olimpico di Roma del 26 giugno scorso ha contribuito in gran parte, già da solo, alla ripresa economica musicale italiana dell’ultimo anno. Seguono Laura Pausini, Ligabue, Pooh, Modà. Tra gli stranieri grandi incassi per i tour italiani di Bruce Springsteen,  Beyoncé, Rihanna e Iron Maiden.

Sembrerebbe quindi che gli italiani stiano concretizzando la loro passione cinematografica, teatrale e concertistica: un fine anno scoppiettante dunque, e noi non possiamo che augurarcene altri cento.

Commento su FMD