Home Scritto da voi UN IGNOBILE TRAFFICO DI ESSERI UMANI

UN IGNOBILE TRAFFICO DI ESSERI UMANI

387
0
SHARE
Voto Autore
di Renato de Rosa

Oggi vorrei parlare di un tema di scottante attualità.

Un ignobile traffico di esseri umani che coinvolge molti giovani nostri connazionali.

Le vacanze studio in Inghilterra.

Probabilmente dietro a questo traffico c’è l’ISIS. Infatti ISIS significa Importiamo Studenti in Inghilterra e Scozia.

Come inizia questa truffa? I delinquenti stampano dei depliant con gruppi di ragazzi felici su prati verdi sotto un sole splendente.

Sole? Prati? Ma in Inghilterra c’è un clima del cazz*: piove sempre. Le televisioni inglesi non hanno meteorologi: tutti i giorni all’ora delle previsioni del tempo inquadrano un cartello con scritto “domani piove”.

In Italia c’è poi una rete di procacciatori che fanno anche da scafisti: i professori di inglese.

Perché lo fanno? Per i soldi ma anche per frustrazione: insegnano una lingua che non è la loro. Come se quelli di Livorno si trovassero costretti tutta la vita a insegnare il pisano.

Ovvio che alla fine ti nasce dentro un istinto malvagio che devi sfogare e allora i professori avvicinano subdolamente i genitori e li convincono. Come? Con gli strumenti della mafia: promesse e minacce.

Sa… se suo figlio vuole DAVVERO imparare l’inglese…

Oh ma sono otto anni che quella testina di bachelite di mio figlio studia inglese a scuola: ma che cazz* gli avete insegnato finora?

Con questo ragionamento se voglio che impari la chimica lo mando in vacanza all’Ilva di Taranto? E per il latino che faccio? Ad agosto va a vendere i rosari in Vaticano?!?!?!

E poi la velata ma chiarissima minaccia…

Saremmo più tranquilli per la promozione…

Il ricatto è chiarissimo: o mandi il marmocchio in Inghilterra o te lo boccio.

Il genitore passa rapidamente in rassegna le alternative: denuncio il professore, lo picchio, o cedo al ricatto. Poi cede.

I genitori cedono perché non possono fare altro ma anche per togliersi dai coglioni il figlio per quindici giorni. Quindici giorni in cui possono girare nudi per casa, guardare film porno e fare sesso selvaggio.

Nelle notti di settembre nei nostri condomini si odono urla bestiali, ahhhhhh, ohhhhhh, uhhhhhhh. “Che succede? Stanno ammazzando qualcuno?” “No, sono i Pinotti: il loro figlio è partito per l’Inghilterra.

Così ragazzi partono per la loro odissea.

A cominciare dai voli low cost per l’ Inghilterra. Aerei risalenti alla Guerra di Corea pilotati da comandanti alcolisti cacciati da tutte le altre compagnie aeree. Arrivano ubriachi gridando “A bordo ciurma, gliela faremo vedere noi a quei musi gialli!

Di positivo c’è che non si rischiano attentati: sarebbe esplosivo sprecato.

E il cibo? E’ roba che è più cattiva del porridge e costa meno del cibo per cani. Avete presente quando il vostro cane vi guarda con gli occhioni tristi per farsi dare un po’ del vostro cibo? Ecco, in Inghilterra succede il contrario: i nostri ragazzi fanno gli occhioni al cane di casa che mangia il suo Ciappi.

Per il dormire i ragazzi vanno in quelli che chiamano college, ma che in realtà sono vecchi edifici fatiscenti. Dicono siano infestati dai fantasmi. I fantasmi sono in realtà i ragazzi che vagano la notte lamentandosi… abbiamo fameeee… dateci una pastasciutta…

Altri ragazzi invece sono inviati in “famiglia”. Le famiglie devono garantire che qualcuno sia sempre presente in casa e quindi sono scelte tra quelle i cui membri sono agli arresti domiciliari. E’ un po’ come se un ragazzo viene in vacanza in Italia e lo mandano a casa di Olindo e Rosa, di Fabrizio Corona o di Lele Mora.

Per fortuna i nostri ragazzi sanno come fare: la sera fanno un fantoccio con i cuscini e la scopa e lo mettono sotto le coperte, mentre loro vanno a dormire nella vasca da bagno. La mattina si alzano e per prima cosa restaurano il fantoccio: cuciono gli squarci delle pugnalate e lo ripuliscono dai liquidi organici.

E’ un po’ come se uno venisse in vacanza studio in italia e fosse ospitato da Pacciani.

Ma l’inglese almeno lo imparano? Decidete voi.

Gli insegnanti, sempre per risparmiare, sono immigrati rumeni e bosniaci che dell’inglese conoscono solo il frasario essenziale per sopravvivere a Londra del tipo: My name is Ladislau – Where is the pub? – A beer please – An other beer please – Where is the toilet? – I want to fuck you.

Dice, va bene, non impareranno a scuola ma nelle ore libere …

Nelle ore libere si trovano nei quartieri più malfamati della periferia dove si nascondono i terroristi pakistani, afgani, e yemeniti. Che gioia quando dopo quindici giorni vostro figlio sbarcherà all’aeroporto e invece di salutarvi con un anglofilo “Hello daddy hello mummy” vi urlerà “Allah akbar“!

Commento su FMD