Home Musica Recensioni Album IL RITORNO DI ENYA CON “DARK SKY ISLAND”. RECENSIONE

IL RITORNO DI ENYA CON “DARK SKY ISLAND”. RECENSIONE

1890
0
SHARE
Voto Autore

di Victor Venturelli

Sette anni ci sono voluti prima che la cantante irlandese Enya tornasse a far parlare di sé dopo un periodo di pausa dalle scene musicali.

Lo fa col suo ottavo album in studio (l’ultimo era And Winter Came) dal titolo Dark Sky Island, la cui uscita è stata oggi 20 Novembre.

Un lavoro che vede la partecipazione dei collaboratori di sempre, il produttore e ingegnere del suono Nicky Ryan e l’autrice di testi Roma Ryan, e che dà vita ad una produzione corale che ci catapulta in un viaggio musicale, attraverso un’atmosfera sonora davvero appagante.

Crediti Foto: Victor Venturelli - Presentazione album c/o QC Terme di Milano. Martedì 17 Novembre 2015
Crediti Foto: Victor Venturelli – Presentazione album c/o QC Terme di Milano. Martedì 17 Novembre 2015

Se da una parte vi è un’accurata ricerca della perfezione armonica dei suoni, dall’altra c’è la volontà di rievocare quei luoghi, quegli ambienti e quelle atmosfere tanto cari alla musicista. Un album che trova una certa linearità con le opere precedenti (The Celts o il più recente Amarantine) dove anche se ad un primo ascolto ci può sembrare che le singole tracce siano piccole unità distinte, se ascoltate insieme, formano una sorta di tutt’uno capace di avvolgere l’uditorio.

Peculiarità dell’album e della produzione artistica della cantante è la capacità di inserire tracce con lingue diverse: dall’inglese al latino o all’ancora più particolare loxian, linguaggio fittizio creato da Roma Ryan nel 2005 e ispirato dai linguaggi tolkeniani usati da Enya nei brani appartenenti alla colonna sonora del film campione di incassi Il Signore degli AnelliLa Compagnia dell’Anello.

Un connubio quello tra la musicista e il mondo del cinema che ci ha fatto apprezzare ancora di più la sua abilità canora e il metodico lavoro svolto in sala di registrazione (basti pensare a Now we are free, canzone originale tratta dal film Il Gladiatore).

12278217_1650868488486682_833500597_n

Dopo oltre 75 milioni di album venduti Enya ritorna a raccontarci attraverso la musica i suoni della natura incontaminata, in bilico tra tradizione e contemporaneità (dettata da un uso di tecnologie e sintetizzatori musicali più avanzati), capace di porre le radici per un ascolto che non può che suggestionare chi ascolta, e renderlo partecipe di quella catarsi nelle atmosfere di una cornice tutta da scoprire.

Presentato in anteprima alle QC Terme di Milano Martedì 17 Novembre, Dark Sky Island comprende, nella versione standard, undici brani che insieme formano un prodotto artisticamente parlando ineccepibile dal punto di vista tecnico, grazie al preciso lavoro di registrazione.

Un ritorno quello della cantante irlandese che segna il coronamento di una carriera fatta di grandi successi (vinti 4 Grammy Awards, 6 World Music, un Ivor Novello) e che ancora una volta ci immerge nella più sincera manifestazione di un genere ancora tutto da scoprire e dal carattere mistico.

Crediti Foto: Victor Venturelli - Presentazione album c/o QC Terme di Milano. Martedì 17 Novembre 2015
Crediti Foto: Victor Venturelli – Presentazione album c/o QC Terme di Milano. Martedì 17 Novembre 2015

Tracklist di Dark Sky Island

1. The Humming
2. So I Could Find My Way
3. Even in the Shadows
4. The Forge of the Angels
5. Echoes in Rain
6. I Could Never Say Goodbye
7. Dark Sky Island
8. Sancta Maria
9. Astra et Luna
10. The Loxian Gates
11. Diamonds on the Water

Tracce esclusive della versione deluxe:
12. Solace
13. Pale grass blue
14. Remember your smile

Dall’album sono già stati estratti due singoli, Echoes In Rain e So I Could Find My Way.

[youtube id=”aLDLpqZdhX0″]

Commento su Faremusic.it