Home Società e Cultura Scuola Milanese a Castello Sforzesco

Scuola Milanese a Castello Sforzesco

Scuola Milanese è un concept di intrattenimento culturale in cui le canzoni e le voci degli ospiti narranti raccontano ogni volta con un tema diverso la città di Milano e il suo retaggio culturale.

1330
0
SHARE
Voto Autore

di Tiziana Pavone
Milano, Teatro Canzone. Chi pensa che per “scuola milanese” si intendesse circoscrivere un periodo tramontato, scolpito di storie senza eredi, nutrito a parole e musiche vintage, si sbaglia di parecchio.

La storia cambia scenari, modi di pensare collettivi. Fa il suo corso. ll problema è tutto rivolto a rintracciare eredi. Eredi rappresentanti, che fungano da collante con i padri ispiratori, adoperando il loro talento per elaborare e riflettere la realtà in divenire, in virtù di una continuità che onora la storia di un pubblico che da sempre si identifica con la propria tradizione.

Detta così è semplice, ma indossare i panni da erede, oggi come oggi è complicatissimo. E’ necessario riconoscersi nel contenitore unico, di pubblico e artisti, svezzandosi dal passato per guardare al futuro.

Ma nel campo dell’arte ci vogliono capacità quasi extrasensoriali. E una bella dose di sopportazione ci vuole, quando critica e pubblico (ma più critica che pubblico, a dire il vero) vorrebbero etichettarti come “il nuovo Gaber, il nuovo De Andrè, ecc”.

Targhettizzare il pubblico è un problema da lasciare tutto ai manipolatori di statistiche da botteghino. Non certo a quella arte libera che per vivere ha bisogno di sprigionarsi per mano dell’artista, libero anch’egli. E per mano di un pubblico che nel frattempo non si è perso.

La continuità non consiste nell’essere uguali al passato, ma nel portare avanti una bandiera con pari empatia. Se il passato passava in televisione, il futuro torna in teatro.

Per mille ragioni si fa un passo indietro e due in avanti.

Vuoi perché i tempi televisivi hanno quella mania di intrattenere il pubblico, rendere famosi i personaggi e “censurare” la battuta scomoda, la parolaccia, l’enfasi, il gergo popolare.

Vuoi perché il naturale palcoscenico è quello della strada, che induce a confrontarsi con un pubblico che ti ha scelto per viaggiare insieme a te senza altre distrazioni o filtri.

Vuoi perché una buona dose di vero successo lo si guadagna a contatto umile con la realtà, immersi in anni di gavetta e secoli di riflessioni lente che ti raggiungono d’improvviso.

Più anni ti fai, e più conquisti una reputazione indistruttibile. E’ questa la sola strada da intraprendere, oggi che nessuno vuole fare sacrifici. L’artista è in controtendenza, si sa. Gli basta il proprio estro. La storia, anche la sua personale, gli darà ragione. L’importante è non perdersi…

245779-11951087-COVER1_jpg
Scuolamilanese è nato come progetto quando erano maturi i tempi della riscossa, nell’estate del 2013. E’ un format culturale imbastito con cura da tre cantautori con anni di gavetta alle spalle, molto diversi tra di loro. Claudio Sanfilippo, Carlo Fava, Folco Orselli firmano l’idea in collaborazione con un attore fuori scena, seppur da sempre a fianco di Fava, Gianluca Martinelli.

Parliamo di artisti in perenne tournée con l’identità di una grande città costretta a misurarsi con più realtà e meno padroni. La domanda che ha attivato il motore è stata:
Milano è un non-luogo anemico ed ostile o una grande opportunità di riscossa civica, sociale e culturale?

Scuolamilanese è stata testata e adesso è il contenitore di un catalogo vivente, per tanti nomi e cognomi che hanno fatto la scuola milanese del passato, in congiunzione astrale con gli artisti di oggi.

Milano è tanti personaggi che ieri urlavano in tv e oggi, sottovoce in cantina, ne preservano la grandezza come si fa con un gioiello prezioso.

Ai racconti di vita, i tre capitani rispondono con nuove canzoni. Si mischiano al gioco. E il risultato è che tutti alla fine, oggi come ieri, narrano una città diversa da quella entrata nell’immaginario collettivo, dimostrando la presenza di eccellenze e di creatività che il mondo globale vorrebbe perse per sempre.

Scuolamilanese è diventato un marchio inconfondibile e sulla riuscita delle intenzioni non vi è dubbio. Per chi entra sul palco della scuola milanese il comune denominatore è la lettura sentimentale di ogni viaggio. Lo hanno già fatto oltre settanta ospiti. E la saga continua. Vedere per credere.

11036701_1121285457886990_686236919445276922_n
Questa sera chi si trovasse a Milano può partecipare dal vivo allo spettacolo estivo, presso la Piazza delle Armi al Castello Sforzesco di Milano. Presenti in scena Carlo Fava e il suo teatro canzone contagioso, Folco Orselli con la sua impronta rock blues e Claudio Sanfilippo, memoria storica del cantautorato milanese.

Tutti e tre cantano le loro canzoni. Da soli insieme e in compagnia evocativa di grandi maestri della canzone d’autore del passato, innestando in siparietti ben costruiti la presenza live dei noti autori Gino e Michele (Zelig), del duo comico Bove & Limardi, e di Antonio Cornacchione.

A partire dalle 21.00, racconteranno la Milano che sa ridere e divertirsi, a dispetto di quei falsi stereotipi che la vogliono città grigia e seriosa.

A fianco dei tre cantautori col loro cast di ospiti, la immancabile Band di Scuola Milanese, formata da quattro tra i migliori musicisti Italiani: Marco Brioschi, Danilo Minotti, Marco Ricci e Max Furian.

Danilo Minotti (chitarre) ha collaborato con Claudio Baglioni, Eros Ramazzotti, Malika Ayane, Gino Paoli, Mina. Arrangiatore di molte produzioni televisive tra cui ricordiamo il Festival di Sanremo, Domenica in, Anima mia, Music Farm.

Marco Brioschi (tromba, flicorno) ha collaborato con Paolo Fresu, Jim Hall, Enzo Jannacci, Mauro Pagani, Phil Collins, Ornella Vanoni.

Marco Ricci (basso) ha collaborato con Enzo Jannacci, Ornella Vanoni, Bruno Lauzi e alcuni tra i più grandi jazzisti italiani e internazionali.

Maxx Furian (batteria) ha collaborato con Randy Brecker, Paolo Fresu, Bob Mintzer, Enrico Rava, Mike Stern, Enzo Jannacci.

Con questa band è nato anche un film, dalle riprese effettuate durante la passata stagione alla Salumeria della Musica, locale diretto da Massimo Genchi, live producer.

245779-11899034-10841901_1002707679744769_8556678353495460539_o_jpeg
Il restante team è composto da una squadra ormai ben rodata: Paolo Franchini – Executive Producer, Giovanni Bedeschi – Video Production, Claudio Gallinella – Video director, Alessia Casati – Art Director & Strategic Consultant, Max Fortuna – Photographer & Strategic Consultant

La Scuolamilanese è sempre in viaggio. Puoi seguirla sul sito —>QUI

Fonte Foto : Max Fortuna

Commento su Faremusic.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here